Cumianafest #3, 16-17 settembre 2017

Eccoci alla 3° edizione del CumianaFest, il festival musicale e agricolo promosso da CISV e Comune di Cumiana che si snoderà tra incontri, concerti, proiezioni cinematografiche e laboratori gratuiti per adulti e bambini, il tutto “condito” da cibo buono, genuino e a km zero.

Il CumianFest è un festival ad impatto zero basato sui principi della sovranità alimentare, artistica, culturale e popolare e sostiene progetti di sviluppo delle comunità agricole sia locali che nel terzo mondo. Il CumianaFest è un festival “dal basso”, organizzato con il lavoro volontario di tutti, senza contributi pubblici e a impatto zero, i protagonisti dell’evento aderiscono a una Carta dei Valori e a un Codice Etico.

Animeranno la tavola rotonda di sabato pomeriggio i temi delle “buone pratiche” legate alla difesa del territorio, all’agricoltura di comunità, all’agricoltura sociale e all’agricoltura come occasione di dialogo fra le persone e fra i popoli.

«Favorire la sovranità alimentare significa promuovere la nonviolenza, la lotta agli sprechi e al consumo di territorio, il commercio equo e il contrasto alle mafie» spiega Davide Giachino di CISV, realtà da oltre 50 anni impegnata con i contadini di Africa e America Latina, e che in Italia promuove il ritorno alla terra dei giovani. «Il Cumianafest è l’occasione giusta per lo scambio di conoscenze e buone pratiche tra i contadini che praticano l’agricoltura familiare, riconosciuta dalla FAO come l’unica in grado di estirpare la fame e nutrire il pianeta in modo sostenibile».

Quest’anno il Cumianafest sarà animato dal sound di artisti che presenteranno musica etnica e folk italiana e del mondo,  che si esibiranno sabato dalle 19 alle 24 e domenica dalle 15 alle 21. Alcuni di essi saranno impegnati anche in masterclass gratuite nel corso della manifestazione.

Ampio spazio, con un palco dedicato, sarà riservato alle scuole di musica del territorio, che rappresentano l’essenza di quei valori di sovranità artistica e culturale “dal basso” su cui il festival si poggia.

Come da “tradizione” non mancheranno i laboratori gratuiti legati all’agricoltura (La lavanda: distillazione e utilizzo, Facciamo il formaggio, Gli alimenti fermentati) e alla musica (Body percussion, Danza afro, Musica in culla, Yoga musicale), gli spazi espositivi di artigianato, antichi mestieri, razze animali autoctone e macchine agricole d’epoca.

Oltre 50 coltivatori dediti a un’agricoltura lenta, paziente, rispettosa di persone e ambiente saranno protagonisti della Fiera dal titolo I piccoli contadini sfAmeranno la Terra– con i loro prodotti di stagione e a km 0 che alimenteranno anche il punto ristoro la cui sfida sarà presentare una cucina etnica con ricette dal mondo, preparate con i prodotti locali. Tutto a prezzi popolari, inclusi dolci e bevande. Anche la birra sarà naturalmente artigianale e del territorio.

Completeranno il tutto mostre, film e presentazioni di pubblicazioni di libri a tema.

 

Il programma

 

Venerdì 15 in Confraternita: concerto del chitarrista Davide Sgorlon (a cura di Vivere la Montagna)

 

Etno e Folk Festival sabato 16 dalle 19 alle 24 e domenica 17 dalle 15 alle 20 con 3 palchi nel centro cittadino:

  • Sul palco di Villa Venchi “Quando la musica fa scuola”: spazio alle scuole musicali del territorio. Hanno aderito e porteranno in scena giovani (e non) musicisti e ballerini: Cororchestra del Piemonte, Associazione Notabene (Torino), Musicanto (Piossasco), Coro Juvenilia Vox (Cumiana), IM Ensemble (gruppo de l’Iniziativa Musicale di Rivalta), Liberimpulso Danza (Pinerolo), Milleunanota (Alba), Flauti e Misflauti e ASD Jazz Dance.
  • sui palchi di piazza Martiri/Ala del Mercato e della Confraternita: Musica dal Mondo. Si esibiranno: Svoboda (World songs e music), Leonardo De Lorenzo (Jazz), I musicanti di Halanwà (musica occitana, franco-provenzale, internazionale), Calembour (Irish e americana), Kelteran (celtica), La Spirale (musica dal mondo), Coro Babemalà, Na Druid (Irish), AP Alta Pressione (folk-rock in piemontese), Duo Saboriso (brasiliana), Glad Tree (musica acustica originale), OèM (canzoni in chiave folk), Jasban (tradizionale ligure), Traine Mannut (composizioni originali), Malartàn (Irish).

 Presentazioni: Leonardo De Lorenzo e il secondo volume de “L’isola dei Girasoli”, musicato con le storie scritte dalle scuole di Cumiana in occasione del JazzitFest 2016.

Remo Vinciguerra e “Una fantastica storia della musica raccontata ai ragazzi”.

I colori del festival  Cortometraggio girato al CumianaFest 2016

Seminari (iscrizione preventiva a cumianafest@gmail.com):  seminari musicali con alcuni dei musicisti che interverranno al festival, e in più:

  • Body percussion (Musicanto)   – sabato pomeriggio
  • Danza afro (Liberimpulso) – sabato pomeriggio
  • Musica in culla (Musicanto) – domenica mattina
  • Yoga musicale (Il giardino del re) – domenica mattina

Le buone pratiche della sovranità alimentare: sabato pomeriggio tavola rotonda sui temi della difesa del territorio, dell’agricoltura di comunità, dell’agricoltura sociale e dell’agricoltura come occasione di dialogo fra le persone e fra i popoli. Interverranno Matilde Casa, sindaco di Lauriano Po e premio ambientalista dell’anno 2016, i promotori del progetto “Farina del nostro sacco”, ZAC – zona cittadinanza attiva di Ivrea, Egidio Dansero dell’università di Torino, esperto in pianificazione territoriale, sviluppo locale e cooperazione internazionale, rappresentanti di Gruppi d’Acquisto Solidale e il Progetto Cumiana-Burkina, eredità del CumianFest 2016, del progetto di formazione Sprouting Soy e della rete internazionale Nyéléni.

Mostre: Il lupo sulle Alpi occidentali – Regione Piemonte e Città metropolitana di Torino

Immagini di agricoltura – Museo etnografico ‘L Rubat

Esposizione di macchine agricole e razze animali autoctone.

Laboratori agricoli sabato pomeriggio (iscrizione preventiva a cumianafest@gmail.com):

  • la lavanda: distillazione e utilizzo
  • facciamo il formaggio
  • gli alimenti fermentati

 

Domenica 17 tutto il giorno (dalle 9 alle 19): Fiera dell’agricoltura familiare e contadina “I piccoli contadini sfAmeranno il Mondo”, con oltre 50 produttori agricoli e piccoli artigiani, a cura di CISV e in collaborazione con: Associazione Italiana Agricoltura Biologica, Antichi Mais piemontesi, Associazione Rurale Italiana, ASCI Piemonte, Movimento Stop al Consumo di Territorio, Canapa Valle Susa, Genuino Clandestino, Genuino Valsusino, Princìpi Pellegrini, WWOOF Italia, Il Ponte s.c.s. Onlus, Scuola Malva Arnaldi.

Punto ristoro contadino a Km 0, sul tema  “La cucina del Mondo

Per info e per prenotazione ai laboratori e alle masterclass: cumianafest@gmail.com

www.cumianafest.it

https://www.facebook.com/CumianaFest-729600240448893/

 

 

Vivi il CumianaFest dal di dentro, partecipa come volontario! Se l’idea di dare il tuo contributo per la riuscita di questa manifestazione ti piace, contatta cumianafest@gmail.com