Il leone del deserto: film il 4 agosto con ANPI Cumiana

Riportiamo l’invito della sezione ANPI al quarto e, per ora, ultimo appuntamento con i documentari storici:

4 agosto – venerdì – ore 21 (SUL SERIO ORE 21: il film dura quasi 3 ORE, quindi puntualissim*!) – “Il leone del deserto” (172′ – 1981), kolossal anticolonialista del regista siriano Mustapha Akkad.

Si tratta di un vero e proprio film, del quale le autorità italiane  nel 1982 hanno vietato la proiezione  perché, nelle parole del presidente del consiglio Giulio Andreotti, «danneggia l’onore dell’esercito». Il veto fu posto dall’allora sottosegretario agli Affari Esteri Raffaele Costa.

La sede della proiezione sarà il teatro comunale.

Qui alcune note in merito al film.

[Da Wikipedia, l’enciclopedia libera]

Il leone del deserto

Titolo originale: Lion of the Desert
أسد الصحراء
Paese di produzione: Libia
Anno: 1981
Durata:172 min.
Genere: guerra, storico
Regia: Mustafa Akkad
Sceneggiatura: H.A.L. Craig
Interpreti e personaggi:
Anthony Quinn: Omar al-Mukhtar
Oliver Reed: Generale Rodolfo Graziani
Rod Steiger: Benito Mussolini
Irene Papas: Mabrouka
John Gielgud: Sharif el-Gariani
Raf Vallone: Colonnello Diodice
Andrew Keir: Salem
Gastone Moschin: Colonnello Tomelli
Stefano Patrizi: Tenente Sandrini
Adolfo Lastretti: Colonnello Sarsani
Sky Dumont: Principe Amedeo d’Aosta
Takis Emmanuel: Abd el-Hamid bu Matari
Rodolfo Bigotti: Ismail
Robert Brown: al-Fadil bu Omar
Eleonora Stathopoulou: Madre del piccolo Ali
Piero Gerlini: Colonnello Barillo
Mario Feliciani: sovrintendente Lobitto
Luciano Bartolo: Capitano Lontano
Claudio Gora: presidente della corte
Giordano Falzoni: giudice al campo
Franco Fantasia: aiutante di Graziani
Gianfranco Barra: guerrigliero libico
Lino Capolicchio: pubblica accusa
Ihab Werfaly: Ali

Il film è stato censurato impedendone la distribuzione in Italia, in quanto ritenuto “lesivo all’onore dell’esercito italiano”, dove è stato trasmesso in televisione (SkyTV) solo nel 2009 a distanza di quasi trent’anni.(sul serio…
Il regista e produttore siriano Mustafa Akkad fu ucciso in Giordania nel 2005 in un attentato kamikaze di terroristi dial Qāʿida ad Amman.

Censura in Italia

Le autorità italiane hanno vietato la proiezione del film nel 1982 perché, nelle parole del presidente del consiglio Giulio Andreotti, «danneggia l’onore dell’esercito». Il veto fu posto dall’allora sottosegretario agli Affari Esteri Raffaele Costa.

Fu anche intentato un procedimento contro il film per “vilipendio delle Forze Armate”. La pellicola non fu mai distribuita nel Paese, dove resta tuttora praticamente introvabile nelle videoteche, anche se più facilmente reperibile tramit eInternet. Nel 1987 fu bloccata la proiezione dalla Digos in un cinema di Trento, ci fu così un processo che si concluse però con un nulla di fatto. L’anno seguente venne proiettato semi-ufficialmente nel festival di RiminiCinema a Rimini. In seguito è stato proiettato non ufficialmente in altri festival senza alcuna interferenza da parte delle autorità. Bettino Craxi promise di mandarlo in onda sulla Rai, ma la promessa non fu mantenuta.

In occasione della sua prima visita ufficiale in Italia, il 10 giugno 2009, il leader libico Mu’ammar Gheddafi si presentò all’aeroporto italiano di Ciampino con appuntata al petto la fotografia che ritraeva l’arresto di al-Mukhtār, accompagnato dall’ormai anziano figlio dell’eroe libico. In quell’occasione, la piattaforma televisiva Sky annunciò la proiezione del film l’11 giugno[, replicandolo più volte, ponendo così fine a un caso di censura durato quasi trent’anni.

——————————————————————-

Interessantissimo il link che vi invito a scoprire:
http://www.sentieriselvaggi.it/omar-mukhtar-il-leone-del-d…/