Referendum popolare abrogativo 2016: si vota domenica 17 aprile

Domenica 17 aprile si vota per il referendum popolare abrogativo proposto da nove Regioni, il “referendum trivelle”, che ha la seguente denominazione: “Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per i titoli abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento”. S’invita a verificare per tempo il possesso della tessera elettorale e se la stessa abbia ancora spazi liberi per l’apposizione del timbro di voto. Se risulta smarrita o se gli spazi disponibili sono esauriti si può richiedere presso l’ufficio elettorale.

Quando si vota line I seggi sono aperti domenica 17 aprile, dalle ore 7 alle ore 23. Chi può votare line Possono votare i cittadini iscritti nelle liste elettorali, che abbiano compiuto il 18° anno di età entro il giorno fissato per il referendum. Come si vota: il quesito referendario line L’elettore deve esibire un documento di riconoscimento valido e la tessera elettorale. All’elettore viene consegnata una scheda con il seguente quesito: “Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale“?” Se si vota SI si chiede di cancellare la parte indicata: che le concessioni per le piattaforme ancora attive vicino alla costa non vengano rinnovate una volta scadute; gli impianti attivi al momento del referendum non cesserebbero l’attività il 18 aprile, ma alla scadenza del loro diritto di estrazione. Se si vota NO si chiede di mantenere la legge così com’è: che le piattaforme continuino ad operare fino all’esaurimento dei giacimenti. Oltre che sul sì o sul no, la battaglia principale si gioca sul raggiungimento del quorum. Perché, come in tutti i referendum abrogativi, il voto è valido solamente se il 50%+1 degli aventi diritto al voto si recherà alle urne. Dove si vota: la sezione elettorale line Sulla tessera elettorale è indicato il numero della sezione presso la quale si può votare.