Invito alla marcia pasquale per la pace ad Erlangen.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Care amiche  e cari amici,

per la prossima Pasqua sono stato invitato dal nostro concittadino onorario Manfred Kirscher a partecipare alla  Marcia Pasquale per la Pace che si tiene a Erlangen e Norimberga.

Il motivo per cui sono stato invitato è perché, insieme ad altri, nel 2003 fui uno dei promotori e organizzatori della Marcia per la Pace a Cumiana, a seguito della quale organizzammo una serie di eventi a cui partecipò lo stesso Manfred.

Ho accettato l’invito a titolo personale, ma mi piacerebbe poter essere a Erlangen nei giorni di Pasqua e poter essere il portavoce di un gruppo di persone che hanno voluto condividere e sottoscrivere l’appello che l’Alleanza per la Pace di Erlangen ha lanciato per la  Marcia del 2016.

La storia dell’amicizia tra Erlangen e Cumiana è la dimostrazione che donne e uomini di buona volontà possono costruire  ponti di Pace. Ed è per questo che sono certo che ognuno di voi vorrà sottoscrivere e condividere l’appello dell’Alleanza per la Pace di Erlangen e poter dare a me e la mia famiglia la possibilità di essere portavoci di questa sottoscrizione.

Qui sotto vi ricopio l’appello tradotto in italiano; chi vorrà aderire (spero tutti!) potrà rispondermi scrivendomi  il proprio : NOME – COGNOME – CITTA’.
Se qualcuno di voi, oltre a sottoscrivere a titolo personale, vuole sottoscrivere anche a nome di un’associazione, un gruppo, una borgata, una famiglia, lo scriva chiaramente.

Un caro saluto.

Antonio Stompanato e famiglia

————————————————————————————————————————————————————
APPELLO DELL’ ALLEANZA PER LA PACE DI ERLANGEN
Marcia di Pasqua, 28 marzo 2016 (Pasquetta), Erlangen, Norimberga.

Votiamo contro la Guerra

Esistono un sacco di buone ragioni per andare in strada.
In Ucraina l’armistizio ha più pro che contro. In Turchia le zone curde sono state devastate (pogromartig?).
Il Governo (federale) tace sulle violenti depressioni dei curdi e sulle altre opposizioni perchè Erdogan deve fermare la contromossa dei profughi.
Che (?) vengono modernizzate armi atomiche americane dislocate in Germania .
Le forze armate federali festeggiano il loro 60° anniversario con una grande offensiva propagandista per reclutare nuovi giovani.
Fino al 2030 dovranno essere spesi 130 miliardi di euro in più per l’armamento.
Allo stesso tempo, ovunque mancano fondi per la formazione e i servizi pubblici.
Inoltre c’è ancora un punto di particolare criticità:

LA GUERRA IN SIRIA

Il Parlamento ha applicato nel dicembre 2015 la cessione delle forze armate in Siria.
Questa partecipazione alla guerra è la costituzione e il diritto costituzionale sfavorevole (??).
La “guerra contro il terrore”, iniziata in Afghanistan, ha prodotto ora nuova paura.
Oggi la Germania è uno degli innumerevoli partner di guerra in Siria.
Nessuno Stato è partecipe alla protezione dei diritti umani ma piuttosto si cura della salvaguardia dei propri interessi nella Regione.
La armi tedesche vengono esportate da molto tempo in grandi quantità nella Regione.
L’aggiunta di queste armi distrugge le speranze/ i presupposti di vita delle persone.
Vittima è soprattutto la popolazione siriana. Per molte persone la fuga è l’unica via di fuga.
Finché questa guerra continuerà le persone continueranno a scappare: al di là di recinti, muri e mari.
Fino a che la pace non regnerà in Siria, continueranno a morire in questa guerra e nella fuga da essa.
Perciò chiediamo:

NO alla milizia tedesca in Siria!
Si a una soluzione politica!

Rivendichiamo al Governo:

1) Il ritiro immediato del corpo militare dalla Siria e dalla Turchia.
La fine dei finanziamenti per la guerra di Erdogan contro i Curdi.
2) Stop a tutte le consegne di armi, compresa la concessione.
3)Aiuti umanitari per i rifugiati in Siria e per gli Stati vicini.
4) Di esercitare pressione ai vostri alleati regionali, soprattutto la Turchia, Arabia Saudita e Katar
5) Adoperarsi per un armistizio come condizione di una soluzione politica: la gente in Siria deve poter decidere liberamente sul proprio futuro.

Perciò marceremo/dimostreremo con la Marcia di Pasqua del 28 Marzo, uniti per la pace e per un mondo senza violenza e sfruttamento

Erlangen

Veduta aerea di Erlangen