8 marzo e dintorni: 3 eventi e una mostra

La Sala Carena – sempre più aperta e vissuta, dai cumianesi e non solo –
ospiterà tre eventi in occasione della giornata della donna. Pensati anche per gli uomini.8marzo2016

Venerdì 4 marzo, ore 21
FIVEMEN
#cosedauomini
5 video per raccontare le difficoltà degli uomini a relazionarsi con le donne.
Presenta: Beppe Pavan Presidente Associazione Uomini in Cammino di Pinerolo.
Iniziativa finanziata dall’Unione Europea.

Sabato 5 marzo, ore 21
per la rassegna LIVE SHOW CUMIANA:
BOSTON MARRIAGE
di David Mamet
Proposto dalla compagnia Nove Teatro
Protagoniste della pièce sono Anna e Claire, borghesi impegnate nel trovare nuovi (e nuove) amanti, e Catherine, cameriera goffa e sfortunata. Le tre sono al centro di una fitta serie di equivoci, errori e tradimenti, che si ingarbugliano intorno ad una collana di smeraldi. Fra le tre si scatena una crisi che mette a repentaglio i loro piani per ilLocandina A3 BOSTON MARRIAGE (1)futuro: il lieto fine non è scontato.
Drammaturgo fra i più venerati e provocatori d’America, David Mamet, classe 1947, ha vinto un Premio Pulitzer ed è stato più volte candidato all’Oscar come miglior sceneggiatore. Con “Boston Marriage” la sua prosa tagliente si sposa per la prima volta con una scrittura tutta al femminile.

Domenica 13 marzo, ore 17.30
Concerto dell’ensemble
FLAUTI E MISFLAUTI
con Viola Rolandone – Claudia Fassina – Maria Chiara Maccarrone – Giulia Ventrice – Davide Andreone – Marco Giaccaria.
INGRESSO A OFFERTA LIBERA a favore del Centro Antiviolenza Svolta Donna

Gli eventi del 4 e 13 marzo sono organizzati nell’ambito del gruppo di lavoro sulle Pari Opportunità, insieme all’associazione Uomini in Cammino, al Centro Antiviolenza Svolta Donna, all’Ufficio della Consigliera di Parità della Città Metropolitana, e con la collaborazione della Proloco.

Venerdì 4 marzo sarà allestita nella galleria del palazzo comunale la mostra dal titolo “Riconoscersi uomini-liberarsi dalla violenza”, ideata e realizzata dall’associazione nazionale MASCHILE PLURALE con la collaborazione dell’associazione OFFICINA di Milano. Invece che sulle donne vittime della violenza maschile, l’obiettivo è puntato sugli uomini, potenziali autori di quelle violenza.

La mostra è adatta a tutti, e sarà visitabile per almeno quindici giorni.