Per il Nepal

Sabato pomeriggio. Come al solito al Villaggio Globale del Sermig, a Cumiana, si lavora intensamente. L’orto da accudire, riunioni, selezione indumenti, rimessaggio computers, accoglienza di chi ha da esporre i suoi problemi …Ma questo sabato 13 giugno ha un aspetto un po’ particolare: arrivano gli amici della croce gialloazzurra in partenza per un secondo viaggio verso il Nepal terremotato. C’è Dino De Pasquale con un suo socio, fondatore e presidente della croce gialloazzurra.

Vengono a ritirare 3 cloratori e 2 lampade fotovoltaiche che gli abbiamo preparato, assemblando particolari dei nostri progetti. Cloratori? Si proprio generatori di ipoclorito di sodio partendo dal sale da cucina disciolto in una bottiglia e “dissociato” attraverso particolari elettrodi, frutto delle ricerca e dello studio delle Re.Te. – restituzione tecnologica del Sermig.

E l’energia? Semplice: un piccolo pannello fotovoltaico da 5 W permette tutto questo. In pratica con il sole ed il sale e il “cloratore sermig” si puo’ produrre in 6 ore tanta candeggina da sterilizzare centinaio di litri d’acqua da bere, disinfettare sale operatorie, disinfettare ferite.

DSC_2060

Applicazioni a Ndindi, in Senegal, una delle situazioni in cui si sono usati i cloratori e in cui è risultato molto efficace: eliminazione delle dissenterie da parassiti intestinali per assunzione di acqua infetta.

 

DSC_2058

Componenti del cloratore

 

E in Nepal, dove andranno questi dispositivi, saranno appropriati, purtroppo. Da Cumiana, verso il Nepal, non solo togliendosi qualche soldino dalla saccoccia ma un pensiero, una dedizione, un lavoro di un volontariato particolare di cui i più poveri hanno un gran bisogno.