Domenica 22 Marzo – Festa di San Giuseppe a Mompalà

Come ogni anno si svolge la ricorrenza della festa di San Giuseppe e in Regione Mompalà si celebra un evento condiviso storicamente con la Parrocchia di Allivellatori, in un scenario naturalistico suggestivo.
Vi invitiamo a partecipare
h 10:00 Messa all’aperto d’innanzi la Cappella di San Giuseppe in Regione Mompalà
h 10:45 Incanto delle doni raccolti nelle Borgate Maritani, Giorda, Mompalà e Allivellatori di Cumiana

I rettori Cappella San Giuseppe 2015
Francesco Colucci
Michele Giorda

 

Don Luca Barone, Salesiano e Direttore Opera Salesiana “Torino Edoardo Agnelli”, ci scrive qualche riga per introdurre la Festa di San Giuseppe.

Spazio fratto tempo uguale umanità.

Mi piace pensare a questa equazione perché l’essere umano fuori dal tempo e dallo spazio semplicemente si disperde, per questo è così importante abitare un luogo e un tempo lasciando dei segni di futuro.

Ma il futuro ha sempre una storia che lo precede e verso cui è in debito, allora è spettacolare quando i luoghi sono costruiti attorno ad alcuni segni che ci indicano da dove veniamo e verso dove andiamo.

La grandezza di un popolo si misura anche da quanto è capace di ritualizzare questi segni facendoli diventare storia, calendario, appuntamento.

Ecco cosa è la Festa di San Giuseppe della borgata di Mompalà nel comune di Piossasco.

Li vivono i miei nonni, la mia vita è stata ed è unita alla loro come i rami di un albero alle sue radici e io crescendo ho avuto chiaro che quella chiesetta posta al centro della borgata fosse qualcosa di più di un decoro architettonico.

Era esattamente la concretizzazione della storia che guardava al futuro, delle radici che guardavano allo svettare dei rami, era il segno che mi diceva la fede e la cultura delle generazioni che mi avevano preceduto, era la visibilizzazione di persone che nel presente si prendevano cura di quel segno esterno, una chiesa, perché si prendevano cura delle generazioni che sarebbero venute e del loro futuro, era il segno che l’uomo senza Dio è come una nave senza meta e senza timone: va alla deriva della disperazione. Soli e in mare aperto.

In un tempo di disgregazione e di solitudine, il trovarsi insieme per celebrare la fede, le tradizioni da cui veniamo, la cultura di un popolo che trova ancora gusto nelle cose semplici vissute con generosità, è un evento culturale che merita l’attenzione di tutti a partire dalle istituzioni che non sono altro che il modo democratico che l’uomo si è dato perché il genio del passato non si perda e le esigenze di tutti e di ciascuno maturino e trovino risposte.

Benedire queste iniziative, partecipare e collaborare in quello spirito di disinteressata generosità che ci rende ancora uomini è una azione culturale, ecclesiale e sostanzialmente umana straordinaria.

Buona festa di San Giuseppe a Mompalà il 22 marzo 2015.