Rifiuti verdi

Dagli ultimi mesi del 2014 è stato potenziato il servizio di raccolta degli sfalci e delle potature, ampliandolo all’intero arco dell’anno.

Negli anni precedenti il servizio era attivo solo dal 1° aprile al 31 ottobre. Ad inizio novembre i cassonetti venivano rimossi dai cantonieri e portati nel deposito comunale, per poi essere riportati nei diversi ecopunti a fine marzo.

Nei mesi invernali sfalci e potature dovevano essere conferiti in ecoisola. Nella pratica, però, una notevole quantità di materiale verde veniva buttata in maniera non corretta negli altri cassonetti (indifferenziato, carta, multimateriali, umido) o abbandonata a terra fuori cassonetto, contribuendo ad inficiare il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata fissati per il Comune di Cumiana ed aumentando i costi derivanti dallo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e dalla raccolta dei rifiuti abbandonati a terra.

Proprio per ovviare a queste criticità, al fine di migliorare il servizio reso ai cittadini, di evitare l’abbandono dei materiali verdi a terra (la cui rimozione ha un costo), di migliorare le performance della raccolta differenziata e di contenere i costi derivati dallo smaltimento dei rifiuti indifferenziati, per il 2015 l’Amministrazione comunale ha aderito alla proposta di Acea Ambiente di potenziamento del servizio.

Poiché nel periodo invernale questa tipologia di rifiuto viene prodotta in modiche quantità, la frequenza del servizio di svuotamento ha cadenza quindicinale (un giovedì sì, un giovedì no).

Dal 1° aprile al 31 ottobre (30 settimane) la frequenza è invece settimanale (ogni giovedì), incrementata nel periodo estivo (9 settimane) con un secondo svuotamento settimanale (il martedì).

I 40 cassonetti “sfalci e potature” distribuiti nei diversi ecopunti vengono lavati due volte all’anno.

COSA BUTTARE IN QUESTI CASSONETTI:

  • sfalci d’erba e fiori recisi
  • piante senza pane di terra e senza fili di ferro
  • ramaglie, potature di alberi e siepi
  • residui vegetali derivanti dalla pulizia dell’orto

COSA NON SI DEVE BUTTARE IN QUESTI CASSONETTI:

  • nylon, sacchetti e cellophane
  • vasi in plastica o in terracotta per piante
  • metalli, sassi, terra

Il materiale verde è destinato alla produzione di compost, i proventi della cui vendita sono distribuiti ai 47 Comuni aderenti al Consorzio Acea sotto forma di dividendi.