Rifiuti: nuovi cassonetti per la raccolta differenziata

A metà dicembre Acea ha modificato le aperture dei cassonetti plastica/metalli, sostituendo gli sportelli con le “bocche” vincolate e molte persone si sono lamentate di questa novità.

Sì, le nuove aperture dei cassonetti plastica/metalli sono scomode, perché non consentono di svuotare agevolmente e velocemente i contenitori in cui raccogliamo il materiale da buttare in quel cassonetto come eravamo abituati invece a fare con i vecchi sportelli. Inoltre, la plastica dell’apertura è dura perché è nuova e le temperature fredde la rendono ancora più dura. I più attenti hanno però già capito che imbustando tutto preventivamente in sacchetti chiusi di piccole dimensioni si riesce a far passare il materiale dalla bocca del cassonetto in un’unica soluzione…

Il motivo che ha indotto Acea a modificare le aperture è quello di evitare che in questi cassonetti vengano buttati oggetti ingombranti in plastica e metallo che non sono imballaggi (es. bacinelle, cassette, giocattoli) e per i quali non sono riconosciuti contributi da parte di CONAI.

Come già scritto nello scorso numero di InformaCumiana, il Consorzio ACEA non ha potuto incassare il contributo CONAI per gli imballaggi (plastica/metallo) relativi al mese di agosto 2014 a causa della presenza di una percentuale troppo elevata di materiale conferito in maniera non corretta: in questo modo il Consorzio ACEA – e quindi tutti i Comuni che ne fanno parte – ha perso oltre 70.000 euro.

Da quando sono state modificate le aperture, Acea ha rilevato che il materiale estraneo non riciclabile buttato in questi cassonetti è passato dal circa 50% al 18-20%. La percentuale che CONAI accetta relativamente al materiale estraneo conferito con gli imballaggi è il 22%. Oltre a questa percentuale il materiale conferito viene rifiutato (non viene quindi riconosciuto il contributo) e deve essere smaltito come rifiuto indifferenziato (con il costo che questo comporta: 132 euro a tonnellata – IVA esclusa – se smaltito presso la discarica di Pinerolo, 112,17 euro a tonnellata – IVA esclusa – se presso l’impianto di valorizzazione).

Con questa modifica è possibile che nel primo periodo si raccolgano meno imballaggi in plastica/metallo, perché molti vengono buttati nel cassonetto dell’indifferenziato, ma ciò che viene raccolto ha una qualità tale da poter essere effettivamente riciclato.

Perché è importante migliorare la raccolta differenziata? Per il 2015 è previsto per il Comune di Cumiana un introito di circa 68.000 euro derivanti dai proventi della raccolta differenziata (contributi CONAI) stimata per l’anno in corso, che scalerà dai costi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Migliorando la raccolta differenziata, ogni anno potremo incrementare queste entrate e ridurre sempre di più i costi di gestione dei rifiuti.

Cosa posso buttare nei cassonetti plastica/metalli: imballaggi in plastica, metallo e polistirolo. E’ importante che i contenitori e gli imballaggi siano vuoti. Non si devono buttare imballaggi ancora pieni, con liquidi o sostanze all’interno.

Cos’è un imballaggio? E’ una confezione, un involucro che contiene il prodotto che abbiamo comprato.

Dove posso buttare gli oggetti ingombranti in plastica e metallo che non sono un imballaggio? Portali in una delle 18 ecoisole consortili presenti nel Pinerolese.

 In allegato il depliant con le indicazioni per una raccolta differenziata di qualità.

Altre informazioni su http://ambiente.aceapinerolese.it

Elena Fila Mauro